Pubblicato da: Sadugo | 6 aprile 2010

RACCONTAMI UNA STORIA VINCENT FREEMAN

Era una bella giornata, e al castello di corte ci sarebbe stata la festa più megagalattica degli ultimi trecento anni, dicotrecento perché quella fatta trecento e uno anni fa fu qualcosa di irripetibile, il Principe Azzurro scelse una ragazza come sua Principessa ma questa era daltonica e lo scambiò per un semplice buffone di corte e quando cercò di baciarla ella gli fracasso i testicoli con un calcio ben assestato. Il brutto della storia è che questa aspirante principessa si chiamava Cenerentola e la sua scarpetta di cristallo si ruppe in mille pezzi. Ovviamente il principe morì dissanguato con un carpaccio al posto dei testicoli.
Comunque, erano passati trecento anni, era una bella giornata e una ragazza di nome Cenerentola, chiamata cosi in onore della nonna castratrice, aveva deciso di andare a fare shopping al castello per la serata, insieme alla sua amica Biancaneve.
Passeggiando passeggiando si ritrovarono al negozio dei Tre Porcellini ma Biancaneve disse.
– no, li non è il caso
– Perché?
Chiese stupita Cenerentola che non era proprio una che ne sapesse di mondo.
– Beh, hanno vestiti troppo scollati e poi quei tre porcellini mettono le web cam nei camerini e ti ritrovi su internet in men che non si dica
– Davvero?
– Certo, puoi scommetterci tutte le zucche del mondo
Cosi proseguirono un po’ più avanti e videro un nuovissimo negozio con un insegna accattivante con su scritto: “vestiti fashion dalla strega cattiva”.
Ma Biancaneve disse subito.
– No no, qui no
– Ma dai, non te ne va bene uno
Rispose indispettita Cenerentola.
– Senti, l’ultima volta che ci sono stata c’era un offerta, ogni vestito in regalo una mela, il giorno dopo ho cacato a spruzzo per tutta la mattina, sembravo un estintore di merda
Cenerentola sospirò, e proseguì più avanti.
– E questo? Può andare?
Disse apostrofando con aria scocciata Biancaneve.
– Ma stai scherzando? Vorresti comprare i vestiti dal Ranocchio???
– Beh, cos’ha che non va?
– Prima di tutto ti chiede sempre un bacino dicendoti che poi si trasformerà in un calciatore di serie A, e t’assicuro che non si trasforma in nulla, l’ultima volta c’ho pomiciato per ore con lui che diceva: “aspetta aspetta, sento che mi sto trasformando, ecco ecco, sento che sto diventando abbastanza stupido per fare il calciatore“
– E poi?
– E poi nulla, è rimasto un ranocchio
Cenerentola pensò tra se e se che Biancaneve ogni tanto era proprio cretina.
Comunque dopo aver schivato un gruppo di 7 ragazzetti che appena videro Biancaneve cominciarono a  fargli il filo e a provarci finirono al Grimm Megastore, dove ci lavorava una certa Fatina.
– Questo va bene!
Disse Biancaneve mentre cenerentola si era preparata a colpirla con un sasso per stordirla.
Cosi entrarono e la fatina chiese subito loro se avevano bisogno di qualcosa.
– Si
Disse subito Biancaneve.
– Vogliamo le ultime scarpe della Kavasaki, quelle più fashion e trendy che avete
Fatina sorrise con sdegno e poi disse, guardando soprattutto Cenerentola.
– Se vi servono per la festa di stasera vi consiglio queste bellissime scarpette di cristallo, sono fuori moda ma ancora eleganti e di sicuro effetto
– Ma che dici! Quelle sono scarpe da sfigate!
Ocheggiò Biancaneve, e prese Cenerentola per una mano e la portò al reparto Fashion dove la costrinse a scegliersi l’ultimo paio di Kavasaki.
– Ma se è un Principe Azzurro che vuole conquistare ci vogliono delle scarpe originali, quelle li ce l’hanno tutte le ragazze del reame, al massimo potrebbero far colpo su un calciatore
Disse Fatina dedita al suo lavoro inseguendole.
– Ovvia su, non ci scocci
Ribattè Biancaneve, al chè trascino Cenerentola alla cassa per pagare.
La sera tutta emozionata Cenerentola arrivò al castello con le sue scarpe nuove, ma quando entrò nel salone da ballo vide con stupore che tutte le ragazze avevano le scarpe Fashion della Kavasaki, si sentì come un granello si sabbia sulla spiaggia e rimase imbronciata in un angolo tutta la sera.
Il principe Azzurro ballò solo con chi non aveva scarpe e vestiti alla moda, e alla fine se ne andò via con una certa Raperonzolo che tutti nel reame sfottevano perché era vestita sempre male e con abiti certamente comodi ma per niente Trendy.
Alla mezzanotte la testa di Cenerentola dalla rabbia si trasformò in una zucca e appena vide Biancaneve la colpì con una testata micidiale mandandola in coma.
Un topo si affacciò dalla zucca e disse.
– Minchia che botta!
Poi arrivò un ambulanza da dove scesero 7 infermieri tutti molto bassi e con sorrisi poco rassicuranti che caricarono su Biancaneve e la portarono via a sirene spiegate chissà dove.

Vincent Freeman

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie