Pubblicato da: Sadugo | 31 marzo 2012

Vincent Freeman parla dei pensieri da fare prima di morire

In: Blueville in prima persona

Quando il Signor Freeman guidava per accompagnarmi a scuola solitamente parlavamo dei film che avevamo visto la sera prima alla tv, ogni tanto parlavamo anche del fatto che io lo chiamo Signor Freeman e che a lui questa cosa non torna tanto e che vorrebbe avere un figlio meno bizzarro, quest’ultima cosa non l’ha mai detta ma io la leggo tra le righe. Noi Freeman parliamo molto tra le righe.
Ad ogni modo qualche tempo fa mentre parlavamo di quanto non ci fosse piaciuto L’ultimo dominatore dell’aria ho visto un ape entrare all’improvviso dal finestrino aperto, che dopo aver cercato inutilmente di raddrizzare la traiettoria del volo modificata dal vento, si è schiantata esattamente nel bianco dell’occhio sinistro del Signor Freeman. Signor Freeman che ha avuto una reazione del tutto esagerata urlando e sterzando bruscamente il volante e facendo finire la nostra macchina sullo spartitraffico. Macchina che a sua volta si è alzata in volo ruotando su se stessa più volte tra lo sguardo stupito degli altri automobilisti e finendo a testa in giù sullo spartitraffico di cemento di cui sopra.
Le conseguenze come potete capire sono state di vario tipo, ma essendo molto più basso del Signor Freeman ho avuto qualche decimo di secondo in più per vedere alcune cose che non dimenticherò come:
Lo spartitraffico che ha aperto in due la nostra macchina con la facilità con cui un Miracle Blade divide in due una lattina di Sprite durante la televendita.
La testa del Signor Freeman che si è compressa sul suo corpo finendo per far schizzare da tutte le parti sangue, pezzi di cervello, ossa e materiale organico vario.
La mia testa che, qualche attimo dopo di quella del Signor Freeman, si è a sua volta compressa sul mio corpo.
Il mio sangue, il mio cervello e il mio materiale organico sparso ovunque.
Quando mi sono ripreso dalla visione il Signor Freeman stava ancora parlando del L’ultimo dominatore dell’aria, il film più brutto della storia del cinema a suo modo di vedere, io invece sono rimasto sconvolto dal fatto che sarei potuto morire mentre stavo parlando dell’ultimo film di Night Shyamalan.
La cosa mi ha turbato.
Dal giorno dopo ho smesso di parlare con il Signor Freeman mentre lui guida, lui li per lì c’è rimasto male, anche se non ha detto niente, quasi sicuramente penserà che io stia diventando un adolescente ribelle e che è una fase della crescita, sicuramente avrà parlato di questa cosa con la Signora Freeman mentre erano da soli in cucina e alla fine si saranno abbracciati con tenerezza.
Io ho semplicemente smesso di parlare perché non voglio morire mentre sto parlando dei film di Night Shyamalan o sto facendo pensieri inutili, e allora mentre sono in macchina me ne sto in silenzio e cerco di avere solo pensieri importanti.

Vincent Freeman

Annunci

Categorie